Category: Zombie


Risultati immagini per Rise of the ZombiesRise of the Zombies, USA 2012, Azione, durata 89′ Regia di Nick Lyon Con Mariel Hemingway, Ethan Suplee, LeVar Burton, Danny Trejo, Heather Hemmens, French Stewart, Chad Lindberg, Madonna Magee, Andy Clemence, Peter Ngo

Durante una apocalisse di zombie generata da un virus, un gruppo di sopravvissuti di San Francisco si nasconde nella prigione dell’isola di Alcatraz con la speranza di scappare dalle crescenti orde di non vivi. Quando anche l’isola viene attaccata, il gruppo decide di rimettersi in viaggio alla ricerca di un luminare che sembra aver trovato un antidoto. Continua a leggere

Locandina Il ritorno dei morti viventiUn film di Dan O’Bannon. Con Clu GulagerJames KarenDon CalfaThom Mathews, Beverly Randolph, Linnea Quigley.  Titolo originale The Return of the Living Dead.Horrordurata 85 min. – USA 1985. – VM 18 – MYMONETRO Il ritorno dei morti viventi * * 1/2 - - valutazione media: 2,75 su 12 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

La Uneeda Medical Supply di Louisville conserva, per conto dell’esercito, in un magazzino top secret, misteriosi cadaveri emeticamente chiusi in speciali contenitori. Frank, il guardiano dello stabilimento, spiega al nuovo inserviente Freddie che si tratta dei corpi che anni prima ripresero temporaneamente vita a causa della terribile “diossina 204” fuoriuscita da un grosso centro industriale di Pittsburg, episodio dal quale – aggiunge – Romero trasse un celebre film… A conferma di quanto racconta, Freddie mostra al giovanotto uno dei contenitori e, per rassicurarlo che il corpo ivi racchiuso è ben protetto, vi picchia sopra: naturalmente, il contenitore si spacca e i due sono investiti da un soffio di gas che mentre li tramortisce fa risvegliare altri cadaveri. Continua a leggere

Un film di George A. Romero. Con Tom Savini, David Emge, Ken Foree, Scott Reiniger, Gaylen Ross.Titolo originale Dawn of the Dead. Horror, durata 120 min. – USA 1979. MYMONETROZombi * * * 1/2 - valutazione media: 3,71 su 38 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Una misteriosa epidemia che resuscita i morti trasformandoli in mostri affamati di carne umana dilaga negli Stati Uniti senza che militari e scienziati possano opporvi rimedio. Francine, una ragazza incinta che lavora presso un’emittente televisiva di Philadelphia, insieme all’amico Stephen e ai poliziotti Peter e Roger, tenta di mettersi in salvo raggiungendo in elicottero un grande centro commerciale che potrebbe offrire sicuro rifugio e abbondante scorta di viveri ed armi. Dopo aver eliminato gli zombi che si trovano all’interno (i mostri muoiono se colpiti al cervello) Francine, Stephen e Roger (Peter è stato ucciso dopo che il morso di uno zombi lo ha irrimediabilmente contaminato), devono fronteggiare l’improvvisa irruzione di un banda di teppisti motorizzati che vogliono saccheggiare le provviste di cibo. Continua a leggere

Locandina L'occhio nel triangolo

Un film di Ken Wiederhorn. Con Brooke AdamsJohn CarradinePeter CushingLuke Halpin, Jack Davidson, Don Stout, Clarence Thomas, D.J. Sidney, Fred Buch Titolo originale Shock wavesHorrordurata 93 min. – USA 1975MYMONETRO L’occhio nel triangolo * 1/2 - - - valutazione media: 1,50 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Un gruppo di turisti in viaggio nei mari delle Bermude naufraga su un’isola desolata il cui unico abitante sembra essere il solitario Scar. L’uomo accoglie i sopravvissuti ospitandoli in una fatiscente dimora ma li avverte di non allontanarsi dal luogo poiché la vegetazione intorno ed il mare nascondono mortali insidie. Le oscure minacce di Scar prendono corpo, durante la notte, nelle sagome di misteriosi individui che vestendo uniformi tedesche si aggirano per l’isola guidati da un istinto omicida. Quando si verificano le prime vittime, Scar è costretto a raccontare la sua storia… Durante la guerra, gli scienziati nazisti avevano sperimentato con successo la possibilità di Continua a leggere

Risultati immagini per Le Notti del Terrore

Un film di Andrea Bianchi. Con Gian Luigi Chirizzi, Karin Well Horror, durata 85 min. – Italia 1981. MYMONETRO Le notti del terrore * - - - - valutazione media: 1,00 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Uno studioso alla ricerca di un antico segreto esplora una oscura grotta e in qualche modo libera uno stuolo di zombie che tanto per cominciare se lo mangiano. Il conte George (Roberto Caporali) arriva all’isolata villa di famiglia assieme alla moglie Evelyn (Mariangela Giordano) e al figlio Michael (Peter Bark). Lì si sono già radunati svariati ospiti che li attendono festosamente. Manca solo il professore, anche se, dice la servitù, non c’è da preoccuparsi: altre volte si è assentato per parecchio. Continua a leggere

Z Nation è un serie televisiva post-apocalittica horror statunitense creata da Karl Schaefer e Craig Engler. La serie è prodotta da The Asylum per la rete via cavo Syfy. La prima stagione, composta da 13 episodi, ha debuttato il 12 settembre 2014. La serie è stata rinnovata per una seconda stagione.[1] In Italia la serie è trasmessa dal 10 giugno 2015 sul canale AXN Sci-Fi.

Tre anni dopo lo scoppio di un’apocalisse zombie, un gruppo di sopravvissuti dovrà riuscire a portare sano e salvo in California l’unico uomo che può fermare l’ epidemia, ovvero l’unico a cui è stato iniettato un vaccino sperimentale grazie al quale non si è trasformato dopo essere stato morso. Ma dovranno vedersela con tanti pericoli e segreti. Continua a leggere

Photobucket Pictures, Images and Photos

Un film di Giorgio Ferroni. Con Agostina Belli, Cinzia Carolis, Gianni Garko, Mark Roberts. Horror, durata 90 min. – Italia 1972. MYMONETRO La notte dei diavoli * * - - - valutazione media: 2,44 su 9 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Un giovane con l’auto in panne trova ospitalità in una fattoria. Non tarda ad accorgersi di strani fenomeni. I componenti della famiglia (fra cui una ragazza di cui il giovanotto si innamora) attendono di essere trasformati in morti viventi. Finale cruento.

The Walking Dead è una serie televisiva statunitense prodotta dal 2010.

Ideata dal regista Frank Darabont, la serie è basata sull’omonima serie a fumetti scritta da Robert Kirkman, anche produttore esecutivo dello show, illustrata da Tony Moore e Charlie Adlard e pubblicata dalla Image Comics[1]. Rispetto al fumetto, di cui comunque vengono seguite le linee guida a livello di trama, la serie presenta parecchie novità nella storia, come ad esempio l’introduzione di alcuni personaggi inediti. Continua a leggere

28_Giorni_dopo_-_bdrip_1080_s.jpg

Un film di Danny Boyle. Con Cillian Murphy, Christopher Eccleston, Naomie Harris, Brendan Gleeson Titolo originale 28 days later. Horror, durata 112 min. – Gran Bretagna, Paesi Bassi 2002. – 20th Century Fox uscita venerdì 13 giugno 2003. MYMONETRO 28 giorni dopo * * * - - valutazione media: 3,03 su 77 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Inghilterra, oggi.Durante un blitz un gruppo di animalisti irrompe in un laboratorio dove alcuni scimpanzè vengono sottoposti alla visione forzata di immagini violente. Il ricercatore che studia le cavie avverte gli attivisti che gli animali sono affetti da un virus sconosciuto e pericoloso. Malgrado ciò, i membri del commando decidono di liberare gli animali, da cui vengono immediatamente attaccati. 28 giorni dopo, Jim si risveglia in una Londra deserta e spettrale. La città sembra deserta e Jim vaga alla ricerca di esseri umani. E’ solo l’inizio di un’avventura dai risvolti terrificanti, dove l’uomo civilizzato si conferma come la belva peggiore… Dopo un paio di film sbagliati, Danny “Trainspotting” Boyle torna a far centro, con un horror a basso costo e girato in digitale che dà punti a molte produzioni miliardarie. Tutto già visto, intendiamoci,con profluvi di citazioni (da Romero alla serie Tv “i Sopravvissuti”) a volte decisamente perdenti rispetto agli originali. Ma almeno c’è un bel senso del ritmo, interpreti funzionali alla narrazione, qualche azzeccata soluzione di montaggio e una notevole colonna sonora. E qualche brivido è assicurato. Piacevole.

Fear The Walking Dead.png

Fear the Walking Dead - 1x01.Stato.Confusionale_s.jpg

Fear the Walking Dead è una serie televisiva statunitense creata da Robert Kirkman e Dave Erickson per la AMC, che la trasmette dal 23 agosto 2015.[1] Si tratta di uno spin-off e di un prequel della serie televisiva The Walking Dead, basata sul fumetto omonimo di Robert Kirkman, Tony Mooree Charlie Adlard.

Ambientata a Los Angeles, la serie segue le vicende di una famiglia allargata che comprende Travis, insegnante divorziato con un figlio e Madison, consulente scolastica e i suoi due figli durante le prime fasi dell’apocalisse zombie.

Stagione Episodi Prima TV originale Prima TV Italia
Prima stagione 6 2015 2016
Seconda stagione 15 2016 2016

I Redivivi_s.jpg

Un film di Herbert Leder. Con Dana Andrews, Karel Stepanek, Kathleen Breck, Anna Falk, Anna Palk, Alan Tilvern Titolo originale The Frozen Dead. Horror, b/n durata 95 min. – Gran Bretagna1966. MYMONETRO I redivivi * * - - - valutazione media: 2,00 su 1 recensione.

In un laboratorio segreto, il professor Norberg custodisce in stato di ibernazione i corpi di importanti gerarchi nazisti e sobillato da Lubeck, ex generale del Terzo Reich, accarezza l’idea di farli rivivere per scatenare una nuova guerra. Affinché il piano abbia successo, allo scienziato serve lavorare preliminarmente su un cervello “in buono stato” ed Elsa, un’amica della nipote Jean, casualmente giunta nella sua dimora, gli sembra il soggetto ideale. Ma Jean, con l’aiuto di un dottore che ha intuito la natura perversa degli studi di Norberg, sventa il progetto dei due fanatici criminali.
Scena “cult”: Jean e la polizia scoprono la testa mozzata e vivente di Elsa e si chiedono (con notevole faccia tosta) cosa possano fare; Elsa risponde “Seppellitemi!”.Leder, regista di film a basso costo, non ha titubanze a firmare una storia che gronda ingenuità ad ogni sequenza. Macchine ibernatrici, teche per conservare in vita cervelli e teste, alambicchi e strumenti chirurgici, sono le attrezzature messe a disposizione di Dana Andrews, il gelido Norberg.

Paura nella Citta dei Morti viventi_s.jpg

Un film di Lucio Fulci. Con Katherine MacColl, Carlo De Mejo, Christopher George, Venantino Venantini, Fabrizio Jovine.Horror, durata 91 min. – Italia 1980. – VM 18 – MYMONETRO Paura nella città dei morti viventi * * - - - valutazione media: 2,42 su 26 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Il reverendo Thomas, che vive in una cittadina americana costruita dove un tempo sorgeva la città delle streghe, si uccide. È l’inizio di una strage ad opera dei morti viventi da lui guidati. Una medium e un giornalista di New York e una psicanalista del posto sanno che per fermare il fenomeno bisogna distruggere la tomba del reverendo e penetrano nella cripta.

The Walking Dead è una serie mensile americana survival horror a fumetti pubblicata dalla Image Comics a partire dall’ottobre 2003, creata da Robert Kirkman ed illustrata da Tony Moore per i primi 6 numeri e da Charlie Adlard per i successivi. Tratta delle vicissitudini di un gruppo di persone che cercano di salvarsi da un’invasione di zombie, che ha portato al crollo delle istituzioni centrali e alla fine della civiltà così come la conosciamo. In Italia l’opera viene pubblicata in due diversi tipi di raccolte: il trade paperback (composto da 6 numeri regolari americani) venduto esclusivamente nelle fumetterie dal2005, e il formato bonelliano (composto da 4 numeri) ristampa venduta anche nelle edicole a cadenza mensile, a formato e prezzo ridotto dal 2012. Entrambe le pubblicazioni sono realizzate da SaldaPress. La pubblicazione dell’opera di Kirkman continua tuttora.

Zombi 2 - 1979 - bdrip ita eng subita_s.jpg

Un film di Lucio Fulci. Con Richard Johnson, Tisa Farrow, Ian McCulloch, Olga Karlatos.Horror, durata 94 min. – Italia 1979. – VM 18 – MYMONETRO Zombi 2 * * 1/2 - - valutazione media: 2,87su 23 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Zombi 2 è un cult movie per eccellenza come dice Marco Giusti in “Stracult”. Un film che lo stesso Fulci amava così tanto da definirlo “un horror artaudiano”, prendendo a prestito le sue notevoli Poesie della crudeltà. Però aggiungeva che era “un horror senza crudeltà ma con molta presupposizione della crudeltà”.
La partenza è subito inquietante con una misteriosa barca a vela alla deriva nella baia di Hudson. La polizia interviene e un agente che si spinge all’interno scopre mosche, vermi e una mano mozzata in putrefazione. Una musica intensa realizzata con il sintetizzatore conduce lo spettatore verso l’inizio dell’incubo. Esce fuori uno zombi da una cabina e si divora l’agente a morsi in un trionfo di splatter, mentre l’altro poliziotto spara a ripetizione e riesce a far cadere in mare lo zombi.
Ann Boll comprende che quella barca è la stessa con la quale suo padre era partito per i Caraibi e vuole scoprire la verità. Indaga pure il giornalista Peter West che incontra sulla barca Ann Boll. Entrambi stanno cercando qualche prova, trovano una lettera del padre di Ann e alla fine devono fingere di fare l’amore per sviare i sospetti di un poliziotto che li sorprende. Nella lettera il padre parla di una misteriosa malattia che ha contratto sull’isola di Matul nella Repubblica Dominicana. Il contagio zombi intanto sta impossessandosi pure di New York e all’obitorio il poliziotto morto sta prendendo vita.
I nostri eroi decidono di andare a Matul, pure il direttore del giornale (un Lucio Fulci che ama recitare piccole parti nei suoi film) è d’accordo e incarica il reporter di fare un servizio. Una volta arrivati a Santo Domingo si fanno accompagnare sull’isola da Bryan Court e Susan Barreto che possiedono una barca. Intanto sull’isola il dottor Menard sta facendo esperimenti per combattere un terribile virus che trasforma gli uomini in zombi. Paola, la moglie del dottore, è terrorizzata ed è preda di un vero e proprio esaurimento nervoso. Nell’isola c’è qualcosa che non va. Si parla di mostri, di vudù, di un’antica maledizione e gli abitanti impauriti sono scappati via sotto la guida dello sciamano. La musica di Frizzi e Tucci fa la parte del leone e ci introduce a colpi di tamburi tribali e monotono gracchiare di corvi in un’atmosfera vudù – caraibica. Pure Fulci ci mette del suo riprendendo alcune ottime scene di vento tropicale e di sabbia che si solleva su spiagge coperte di palme. I nostri eroi arrivano sull’isola e conoscono il dottore che è all’opera in un ospedale costruito con travi di legno tra ventilatori a pala sul soffitto, caldo intenso, vento e mosche. L’atmosfera di tristezza e squallore è ben riprodotta. A questo punto si inserisce la scena per cui tutti ricordano questo film. La moglie del dottor Menard sta facendo la doccia e la scena pare più da sexy movie che da film horror, ma si sa che Fulci amava contaminare i generi, un po’ come Joe D’Amato. Uno zombi la spia a lungo dalla finestra e quindi tenta di forzare la porta, ma la donna gli rinchiude la mano e gli spezza le dita. Alla fine lo zombi riesce a sfondare tutto e afferra la donna per i capelli portandole la testa verso una scheggia di legno che le trafigge l’occhio sino in fondo. Questa scena che vede Olga Karlatos massacrata in modo bestiale sarà imitata da tutti i registi degli anni Ottanta (Joe D’Amatocompreso) ma nessuno riuscirà a farla così bene come l’originale. In queste cose Fulci ci sapeva fare e la rappresentazione della morte era la sua specialità, lui riusciva a far vedere cose davanti alle quali altri si fermavano inorriditi. Pure l’atmosfera di terrore che si vive nell’isola è resa molto bene e Fulci ci fa sentire il respiro degli zombi frammisto al vento. La stessa cosa farà D’Amato in Antropophagus e in Porno Holocaust.
Diciamo subito che questo film non ha niente a che vedere con Zombi (1979) di George Romero di cui vuol solo ricalcare il titolo e seguire le orme del successo. Zombi completa la trilogia romeriana iniziata con La notte dei morti viventi e chiusa con Il giorno degli zombi. Fulci è di sicuro ispirato dalla visione delle prime due pellicole ma costruisce una storia originale di zombi che ha una sua ragion d’essere e soprattutto una diversa localizzazione geografica. Gli zombi dominicani di Fulci hanno una derivazione soprannaturale che ricalca le leggende vudù e, pur se nella pellicola non si toccano vette di poesia e di alta cinematografia sul tipo del successivo Il serpente e l’arcobaleno (1988) di Wes Craven, il livello della narrazione resta sempre alto. Gli zombi poi sono del tutto diversi da quelli teorizzati da Romero. Per dirla con Antonio Tentori, i morti viventi di Fulci sono “orribili cadaveri in putrefazione o mummie ripugnanti”. Con il critico romano condividiamo pure l’approccio alla tecnica filmica di Fulci e la sua visione che ne fa un vero e proprio teorico dello splatter estremo.

Poster La notte dei morti viventi [1]

Screener versione dvdrip:

La_Notte_dei_Morti_viventi_-_dvdrip_s.jpg

Screener versione bdrip:

La_Notte_dei_Morti_viventi_-_bdrip_ita_eng_subita_eng_fra_spa_s.jpg

Un film di George A. Romero. Con Duane Jones, Judith O’Dea, Russell Steiner, Karl Hardman, Marilyn Eastman.Titolo originale The Night of the Living Dead. Horror, b/n durata 96 min. – USA1968. – The Space Movies uscita venerdì 31 ottobre 2014. MYMONETRO La notte dei morti viventi [1] * * * 1/2 - valutazione media: 3,65 su 31 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Barbara e suo fratello Johnny stanno pregando su una tomba in un piccolo cimitero quando uno sconosciuto assale il ragazzo e lo uccide. Barbara, sconvolta, chiede aiuto in una vicina casa isolata, ma scoprendovi un cadavere crudamente mutilato cade in uno stato catatonico. Nella stessa casa, nel cui scantinato sono nascosti i coniugi Cooper e la loro figlioletta, trovano rifugio anche Ben, un commesso viaggiatore di colore e due giovani fidanzati, ciascuno in cerca di riparo dalle insensate aggressioni di alcuni esseri dall’aspetto cadaverico che si aggirano nei dintorni. Mentre scende la notte, il gruppo apprende dalla radio che una pioggia radioattiva causata dall’esplosione di una navicella spaziale di ritorno da Venere ha fatto resuscitare i morti trasformandoli in creature omicide, morte nel corpo ma vive nel cervello (possono essere distrutte soltanto con il fuoco o con una pallottola in fronte): colui che ne subisce il morso è condannato alla stessa orribile trasformazione. Asserragliati nella casa, per tutta la notte, gli uomini e le donne subiscono il furioso assalto dei morti viventi. I due fidanzati muoiono mentre tentano la fuga su un camioncino; la bambina morsa da uno zombi uccide la propria madre; Barbara è rapita dal fratello redivivo… La mattina dopo, soltanto Ben è sopravvissuto, ma mentre sta per uscire allo scoperto, lo sceriffo sopraggiunto con alcuni aiutanti, scambiandolo per uno dei mostri, lo uccide con una pallottola in fronte. Come i film di fantascienza, La notte dei morti viventi racconta di un’invasione, ma di un’invasione che scaturisce dall’interno di un contesto sociale corrodendo inesorabilmente certezze ed istituzioni. La famiglia è ridotta a nucleo devastato e cannibalesco (…la figlia massacra e divora la madre, il fratello aggredisce la sorella); l’ordine costituito è una casta di potere cieca e spietata che si abbandona ad omicidi gratuiti ai danni, preferibilmente, dei “diversi” (Ben, ultimo scampato all’incubo, è un negro); il gruppo “rappresentativo” di americani in pericolo, invece di unirsi in uno sforzo comune, è frantumato da spinte individualistiche e irrazionali che nell’eccezionalità del momento tendono a sopraffarsi (…Harry chiude fuori della casa Ben che aveva tentato di aiutare i due giovani nell’auto in fiamme, e Ben, rientrato, nella concitazione, lo uccide); la casa è un avamposto assediabile che nasconde tra le sue stesse pareti la minaccia (…dalla cantina emerge la donna con la bambina ormai contaminata e votata alla distruzione); i morti usciti dalle tombe sono simbolo di una resurrezione blasfema, ribelle, apocalittica; i vivi, infine, sono creature destinate a non sapere quando finisce la loro vita e quando comincia la loro morte. Il film è pervaso da un’angoscia indefinibile e disturbante – ancora oggi sorprendentemente avvertibile -, messa in risalto da un secco bianco e nero, dalla presenza di attori dilettanti o semisconosciuti, dalle stesse giovanili incertezze della regia. Le atmosfere agghiaccianti traggono sicuramente spunto dal romanzo “I’m A Legend” di Matheson, ma il discorso di Romero è nuovo e personalissimo. Girato con poco più di 114.000 dollari a Pittsburg, in sei mesi e (si dice) durante i fine settimana liberi della troupe, il film diventa subito un cult (R. Russ e J. Ross, in “Focus on the Horror Film”, lo definiscono con una punta di ironia un “cult movie underground”) e dà inizio ad una serie di imitazioni e ad un inteminabile filone, prevalentemente horror. Una copia è conservata al Museo di Arti Moderne di New York e nel 1986 ne è stata distribuita una versione colorizzata dagli Hal Roach Studios. Nel 1993 è uscito Nitght of the Living Dead 25th Anniversary Documentary che ricostruisce la lavorazione della pellicola e contiene interviste a famosi registi (Landis, Raimi, Craven ed altri) che il film hanno apprezzato. Romero appare brevemente nella parte di un reporter. Titoli alternativi: Night of Anubis, Night of the Flesh Eaters.

Un film di Rob Thomas. Con Rose McIver, Molly Hagan, Malcolm Goodwin, Elise Gatien, Nick Purcha. Formato Serie TV, Horror.

Un’altra proprietà DC verrà adattata per il piccolo schermo dalla CW: iZombie. I personaggi, creati da Chris Roberson e Michael Allred, saranno i protagonisti di uno show poliziesco sovrannaturale incentrato su una studentessa di medicina diventata una zombie. La ragazza va a lavorare nell’ufficio del patologo per avere accesso ai cervelli che, controvoglia, deve mangiare per poter mantenere la sua umanità. Ma ogni volta che consuma un cervello eredita le memorie del cadavere. In questo modo, con l’aiuto del suo superiore, un medico legale, e di un detective della polizia, risolve casi di omicidio per placare le voci inquietanti che sente nella sua testa.

Titolo originale Titolo italiano Prima TV USA Prima TV Italia
1 Pilot Il sonno eterno 17 marzo 2015 4 novembre 2015
2 Brother, Can You Spare a Brain? Fratello, puoi prestarmi il cervello? 24 marzo 2015 4 novembre 2015
3 The Exterminator Il disinfestatore 31 marzo 2015 11 novembre 2015
4 Liv and Let Clive Vivi e lascia morire 7 aprile 2015 11 novembre 2015
5 Flight of the Living Dead Il volo dei morti viventi 14 aprile 2015 18 novembre 2015
6 Virtual Reality Bites La realtà virtuale morde 21 aprile 2015 18 novembre 2015
7 Maternity Liv 28 aprile 2015 25 novembre 2015
8 Dead Air 5 maggio 2015 25 novembre 2015
9 Patriot Brains 12 maggio 2015
10 Mr. Berserk 19 maggio 2015
11 Astroburger 26 maggio 2015
12 Dead Rat Live Rat Brown Rat White Rat 2 giugno 2015
13 Blaine’s World 9 giugno 2015

Locandina italiana Contagious - Epidemia mortale

Contagious - bdrip 480p ita eng_s

Un film di Henry Hobson. Con Arnold Schwarzenegger, Abigail Breslin, Joely Richardson, Laura Cayouette, J.D. Evermore. Titolo originale Maggie. Horror, Ratings: Kids+13, durata 95 min. – USA 2015. – M2 Pictures uscita giovedì 25 giugno 2015. MYMONETRO Contagious – Epidemia mortale * * * - - valutazione media: 3,08 su 22 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Una terribile epidemia ha colpito gli Stati Uniti, trasformando le persone in zombie. Un virus misterioso consuma la carne di uomini, donne e bambini fino a ridurli in mostri da abbattere. Affetti dalla malattia sono costretti alla quarantena in ospedale o presso i loro cari che vegliano sulla trasformazione e poi sono costretti a congedarsi traumaticamente. Maggie, sedicenne orfana di madre, è aggredita e contagiata. Deciso a proteggerla ad ogni costo, il padre, contadino della Louisiana con fucile e spalle larghe, la riconduce a casa dopo la fuga e condivide con lei le sue ultime settimane di vita. Ma Wade in cuor suo spera ancora di poterla salvare, di poterla sottrarre a quella metamorfosi dolorosa. Contro di lui il tempo e la polizia, che veglia sulla cittadinanza ed è decisa a preservare la sicurezza degli scampati.
Opera prima di Henry Hobson, Contagious non è un film di zombie come gli altri. Nessuna orda di morti viventi, nessuna mazza a tramortirli, nessun centro commerciale a stiparli, niente di tutto questo accade sullo schermo perché il regista inglese si concentra sulla relazione intima padre-figlia e attraverso quel legame interroga l’eterno vagare degli zombie.
Dentro un clima di diffusa malinconia, che non si nega qualche passaggio gore, Contagious impiega le convenzioni del genere (horror) per svolgere una storia inattesa. Allo stesso modo, la scelta di un interprete ad alto rilascio leggendario, uno Schwarzenegger di inaspettata dolcezza, risponde all’esigenze della trama e frustra le aspettative. Fenomeno possente esploso nel 1982, l’attore austriaco ha prodotto un cinema dell’eternità convertendo la carne in acciaio e rendendola insensibile a qualsiasi sofferenza fisica. Ercole, Conan, Terminator, Schwarzenegger ha fatto letteralmente a pezzi i suoi nemici cambiando con Sylvester Stallone la storia del cinema popolare americano. Per questa ragione la sua impotenza, di fronte al corpo necrotizzato di sua figlia, disorienta e sbalordisce lo spettatore. Padre in ambasce e colosso abbattuto dentro un mondo in rovina, Schwarzenegger è lontano dall’androide implacabile che fu e dalla competenza pratica dei suoi eroi. Per la prima volta disarmato davanti all’ineluttabilità del destino e sopraffatto da un sentimento autentico, imbraccia il fucile e abbraccia la figlia, nel tentativo estremo di trattenerla e di rimandare la sua eutanasia. Ancorata alle sue spalle olimpiche e alla sua inedita vincibilità, la Maggie di Abigail Breslin resiste per la seconda volta in un film direvenants. Scampata ai morsi ‘avvelenati’ dentro una commedia e un luna park ‘zombizzato’ (Benvenuti a Zombieland), Abigail Breslin avverte questa volta i cambiamenti ‘mostruosi’ dell’adolescenza. E ancora evoca una malattia senza remissione, interpreta una malata terminale più lucida di chi la ama e rifiuta di accettarne il trapasso imminente.
Tra padre e figlia si ingaggia allora un confronto struggente, una lunga resistenza che nulla potrà contro la febbre omicida che divora la protagonista.Contagious è un duello che tratta il soggetto zombie in maniera intimista, elude qualsiasi muta splatter e minacciosa e converge sull’individualità del morto vivente, sulla sua angoscia davanti alla propria crescente pulsione distruttrice. Se nei film di zombie la trasformazione ha luogo in pochi istanti, in Contagiousla decomposizione del corpo richiede, a ragione di questo ripiegamento esclusivo, settimane. Hobson sacrifica l’esaltazione dell’intrattenimento allo sguardo contemplativo, il panico alla disperazione, la macellazione alla quarantena, la precipitazione all’incubazione, e realizza un film drammatico che esce dal sentiero battuto dal genere, tornato alla ribalta sotto l’impulso e il successo della serie televisiva The Walking Dead. Alternando i contrasti freddo-caldo, i grandangoli (per scoprire distese di terre improduttive) e i piani stretti (per cogliere l’inquietudine irriducibile dei protagonisti), la regia di Hobson suscita un sentimento destabilizzante reso ancora più toccante e turbante dalla coppia Schwarzenegger-Breslin, il primo annientato dalla dipartita imminente della sua bambina e la seconda torturata dal male che la divora dall’interno. Sospeso tra ballata elegiaca e science fiction post-apocalittico, Contagious è dominato dal corpo piegato e sconfitto di Schwarzenegger, lontano dai circuiti hollywoodiani e dentro un progetto indipendente di cui l’attore è interprete e produttore. Dopo aver ripreso il ruolo di Terminator T-800 nel quinto episodio della celebre saga (Terminator Genisys), l’attore infila un film che è insieme condizione dell’anima e luogo fisico dove (forse) cominciare a invecchiare.

Fear the Walking Dead Logo.png

Fear.the.Walking.Dead.S01E01.Pilot.WEB-DL.Mister.X_s

Ambientata a Los Angeles, la serie segue una grande famiglia che comprende Travis, insegnante divorziato con un figlio e Madison, consulente scolastica e i suoi due figli durante le prime fasi dell’apocalisse zombie.

Titolo originale Titolo italiano Prima TV USA Prima TV Italia
1 Pilot 23 agosto 2015
2 So Close, Yet So Far 30 agosto 2015
3 The Dog 13 settembre 2015
4 Not Fade Away 20 settembre 2015
5 Cobalt 27 settembre 2015
6 The Good Man 4 ottobre 2015

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/3/39/Deadset.jpg

Dead.Set.1x01.Episodio.1.ITA-ENG.DVDMux.XviD-Pir8_s

Dead Set è una serie televisiva britannica creata dallo scrittore Charlie Brooker, ampiamente acclamata dalla critica e nominata ad un BAFTA.

A causa di una terribile epidemia i morti viventi seminano il panico in tutto il Regno Unito. La malattia si propaga a macchia d’olio e tra i pochi superstiti ci sono i concorrenti del Grande Fratello inglese, ignari di cosa stia accadendo. Sarà Kelly, l’assistente della produzione, a dare la sconvolgente notizia ai concorrenti che dovranno lottare per la loro sopravvivenza.

Titolo originale Prima TV Regno Unito Prima TV Italia
1 Outbreak 27 ottobre 2008 12 novembre 2010
2 Can the Housemates Keep Angel Alive? 28 ottobre 2008 19 novembre 2010
3 Live Feed 29 ottobre 2008 26 novembre 2010
4 Running 30 ottobre 2008 3 dicembre 2010
5 A Way Out 31 ottobre 2008 10 dicembre 2010

L Isola degli Zombie_s

Un film di Victor Hugo Halperin. Con Bela Lugosi, Madge Bellamy, Brandon Hurst, Joseph Cawthorn. Titolo originale White Zombie. Horror, b/n durata 91 min. – USA 1932. MYMONETRO L’isola degli zombies * * - - - valutazione media: 2,46 su 7 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

L’isola degli zombies (White Zombie) costituisce il primo autentico zombie-movie, progenitore di decine di film realizzati negli anni successivi (da Tourneur a Romero), realizzato già nel lontano 1932 dai fratelli Halperin (Victor regista, Edward produttore). Il film è ambientato ad Haiti, tra bambole voodoo e potenti magie nere, dove un superbo Bela Lugosi è il negromante Murder Legendre, un satanico individuo che schiavizza zombie utilizzandoli come manodopera nelle raffinerie di zucchero. In quegli anni, infatti, lo zombie appare soprattutto l’essere privato della propria anima che si distingue per l’andatura rigida e lo sguardo fisso, lontano dai mostri antropofagi nei quali ci si imbatterà in seguito, corpi umani privati della volontà e resi simili ad automi da pratiche stregonesche nella migliore tradizione della macumba caraibica. Nel film di Halperin, un vero “incubo a occhi aperti”, gli zombie sono schiavi di colore costretti a lavorare nella piantagione anche dopo morti, metafora scoperta di un capitalismo aggressivo e feroce.