Watch movie | 10 Cast Iron Brown 3 Ornate Pulls Drawer Cabinet Bin Handles Rustic Vintage | Izzy Gets the Fuck Across Town

Category: Film Anni ’90


Immagine correlataUn film di Sondra Locke. Con George Dzundza, Jeff Fahey, Theresa Russell, Alan Rosenberg Titolo originale Impulse. Poliziesco, durata 108′ min. – USA 1990. MYMONETRO Doppia identità * * 1/2 - - valutazione media: 2,50 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Agente in gonnella della Narcotici arrotonda lo stipendio lavorando per la Buoncostume. In questa seconda veste si spaccia per battona per acchiappare spacciatori e maniaci sadici. Piena di problemi, che nasconde con atteggiamenti da dura, scopre una torbida attrazione per il mestiere che finge di praticare in servizio. 2ª regia di Sondra Locke, ex attrice ed ex moglie di Clint Eastwood, è un thriller psicologico e poliziesco in chiave femminile di normale confezione hollywoodiana, lieta fine compresa. Ottima occasione per vedere all’opera Theresa Russell, moglie di Nicolas Roeg, che da Gli ultimi fuochi a La vedova nera ha fatto molta strada. Continua a leggere

Risultati immagini per Echi da un Regno oscuroUn film di Werner Herzog. Titolo originale Echos aus einem düsteren Reich. Documentario, durata 90′ min. MYMONETRO Echi da un regno oscuro * * * - - valutazione media: 3,00 su 3 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Michael Goldsmith, corrispondente dell’Associated Press dal Nordafrica, conduce l’inchiesta su Jean Bedel Bokassa, ex imperatore della Repubblica Centrafricana, spodestato da un colpo di stato, accusato di molti crimini efferati (anche di cannibalismo), condannato a morte in contumacia e poi chiuso nel carcere di Bangui. Diversi tipi di testimonianze e di testimoni, interessati e disinteressati, si alternano con spezzoni di documentari. Non mancano gli inserti di taglio grottesco e surreale: i granchi sulla spiaggia all’inizio, lo scimpanzé che fuma alla fine, immagine insopportabile perché, al tempo stesso, troppo umana e troppo vera. Più che un documentario sugli orrori della realtà è un’indagine sulla natura del potere dispotico, è “un film sulla menzogna, sull’inattendibilità, sulla messa in scena della testimonianza” (A. Pezzotta). Fotografia di Jörg Schmitte-Reitwein, musiche di J.S. Bach, A. Vivaldi. Continua a leggere

Le pellicole cinematografiche di Star Trek sono dodici, prodotte dal 1979 al 2013. Il cast protagonista dei primi sei film è quello della serie classica, capitanato da Kirk.[61] Nei quattro film successivi l’equipaggio di Kirk lascia posto a quello della “Next Generation” comandato da Picard. Il settimo film, Generazioni, costituisce il “trait d’union” tra i due differenti cast e li vede entrambi presenti.[62] L’undicesimo, il dodicesimo e il tredicesimo film, del 2009, 2013 e 2016, rappresentano invece un reboot della serie classica ambientati in una nuova linea temporale, con un cast completamente rinnovato (tranne Leonard Nimoy che interpreta in entrambi i film un cameo nei panni di uno Spock anziano).

ATTENZIONE: SU 1FICHIER LI TROVATE NELLA CARTELLA  

Serie Tv—Star Trek—-Filmografia—-1080p

Continua a leggere

Risultati immagini per I ProtagonistiUn film di Robert Altman. Con Whoopi Goldberg, Dean Stockwell, Tim Robbins, Fred Ward, Greta Scacchi. Titolo originale The Player. Drammatico, Ratings: Kids+16, durata 123′ min. – USA 1992. MYMONETRO I protagonisti * * * 1/2 - valutazione media: 3,63 su 12 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Minacciato da uno sceneggiatore, rampante produttore esecutivo (Robbins) di Hollywood lo uccide accidentalmente. Vivrà felice con la sua vedova (Scacchi). Titolo italiano deviante per uno dei più intelligenti, perfidi e divertenti film hollywoodiani degli anni ’90. È un falso giallo e una vera commedia. Tratto da un romanzo (1988) di Michael Tolkin e da lui stesso sceneggiato, è una satira iconoclasta di Hollywood, e la sua celebrazione: il vecchio R. Altman vi condensa il suo impietoso ma sorridente giudizio sulla “fabbrica dei sogni”, diretta da persone che, incapaci di sognare, hanno soltanto incubi di carriera. È anche un film sugli anni ’80, anni sotto il segno dell’avidità di denaro e di successo, della stupidità arrogante o dell’incompetenza al potere, dell’edonismo più becero. Vi compaiono velocemente una settantina di attori più o meno famosi nella parte di sé stessi. Il grande giocatore (player) di questo film è lui, Robert Altman, classe 1925. Nemmeno un Oscar, ovviamente. 12 premi tra New York, Londra, Cannes. Continua a leggere

Locandina Super Mario Bros.Un film di Rocky MortonAnnabel Jankel. Con Dennis HopperBob HoskinsJohn LeguizamoSamantha MathisFisher Stevens.  Titolo originale Super Mario Brothers.AvventuraRatings: Kids, durata 104 min. – USA, Gran Bretagna 1993MYMONETRO Super Mario Bros. * * - - - valutazione media: 2,06 su 12 recensioni di critica, pubblico e dizionari

Mentre sono al lavoro per prosciugare un acquitrino che ostacola gli scavi archeologici della paleontologa Daisy in cerca di tracce di dinosauri, i fratelli Mario (Bob Hoskins e John Leguizamo) sono inghiottiti in un varco temporale che li scaglia nel mondo parallelo di Dinotthan, originatosi milioni di anni fa da una faglia apertasi sotto l’attuale territorio di Manhattan. Dinotthan è simile al nostro mondo, ma l’evoluzione vi ha seguito uno sviluppo diverso: i dinosauri non sono stati cancellati dalle catastrofi abbattutesi 65 milioni di anni fa sulla Terra, sono divenuti intelligenti ed hanno costruito una loro civiltà, ma – come da sempre è accaduto per gli uomini – cadono periodicamente in guerre e discordie politiche e, al momento, rischiano l’estinzione per mancanza d’acqua. I due fratelli apprendono che il tiranno di turno, il feroce King Koopa (Dennis Hopper) – per metà umano e per metà rettile -, progetta di servirsi della straordinaria porta nel tempo per invadere la Terra e accaparrarsi le sue preziose risorse. Per riuscire nell’impresa, egli ha assoluta necessità di un amuleto capace di annullare i confini tra i mondi paralleli, custodito dalla principessa Daisy (alter-ego della scienziata). I fratelli Mario, rivelando un coraggio e una generosità degni dei super eroi, non esitano ad affrontarlo e alla fine di una lunga battaglia – aiutati dal padre della principessa, da alcuni seguaci di Koopa conquistati alla causa della giustizia e da un pizzico di fortuna – restituiscono pace e libertà a quello strano mondo. Continua a leggere

Risultati immagini per Rosetta locandinaUn film di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne. Con Anne Yernaux, Fabrizio Rongione, Emilie Duquenne, Olivier Gourmet Drammatico, Ratings: Kids+16, durata 91 min. – Francia 1999. MYMONETRO Rosetta * * * 1/2 - valutazione media: 3,94 su 15 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Rosetta, che non è ancora maggiorenne, si deve far carico della madre alcolizzata con cui vive in una roulotte in un camping ai margini di un bosco. Licenziata da una fabbrica dove era stata assunta in prova va in città per vendere alcuni abiti usati e conosce Riquet che lavora in un chiosco dove si vendono cialde. Rosetta viene assunta e al contempo ha anche finalmente un amico che le rimane accanto anche quando, qualche giorno dopo, viene nuovamente licenziata. La ragazza, dopo l’ennesimo scontro con la madre, decide di abbandonare la roulotte e riceve ospitalità da Riquet. Il bisogno di trovare un lavoro continua però a tormentarla.
“9 dicembre 1996. Rosetta, la donna che s’indurisce per sopravvivere e finisce per perdere ciò che ha di più caro? È agganciata al lavoro. Da lì e solamente da lì potrà arrivarle il riconoscimento da parte degli altri. Appartenere alla comunità umana. Rifiutare con tutte le sue forze la morte sociale”. Questa annotazione riportata da Luc Dardenne nel suo diario agli inizi della scrittura del film sintetizza in modo perfetto il senso di questa opera in cui i Dardenne esplicitano con un assoluto rigore stilistico il loro sguardo su un’umanità dolente e, ancora una volta dopo La promesse, giovane. La macchina da presa pedina, si potrebbe quasi dire insegue, la protagonista. Le sta incollata spesso alla nuca, soffre insieme a lei che si appiglia a qualsiasi situazione che le possa offrire l’occasione di guardare a se stessa con quella dignità che la madre ha perduto.
L’assenza di colonna sonora musicale di commento, già presente nel film precedente, si fa qui ancora più simbolica ed efficace. Non c’è musica, non c’è armonia che possa sostenere questa ragazza ogni volta vicina alla meta per poi finire ricacciata indietro. Ecco allora che i due autori, con il loro film più distante dai canoni di fruizione abituale, chiedono allo spettatore di partecipare all’angoscia della protagonista lasciando però, ancora una volta, un barlume di speranza.
Solo accettando la realtà dell’altro è possibile riconoscersi come essere umano ed accettarsi anche nelle proprie cadute e nella propria apparente inadeguatezza (quel dolore al ventre che persiste). In Belgio il film creò un movimento di opinione che portò a una legge sul lavoro giovanile definita “Legge Rosetta”. Continua a leggere

Risultati immagini per Botte di NataleUn film di Terence Hill. Con Bud Spencer, Terence Hill, Anne Kasprik, Ron Carey, Harriet White. Western, Ratings: Kids, durata 102′ min. – Italia 1994. MYMONETRO Botte di Natale * * - - - valutazione media: 2,32 su 11 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Due fratelli, cacciatori di taglie e separati da un’annosa rivalità, sono riuniti dalla mamma per Natale per dare la caccia a una banda di cattivacci. Un western casereccio in cui la coppia Hill-Spencer tenta di riciclarsi riproponendo, senza aggiornamenti, i vecchi schemi e le gag di 20 anni prima. Continua a leggere

Un film di Takashi Miike. Con Ryo Ishibashi, Eihi Shiina, Tetsu Sawaki, Jun Kunimura, Miyuki Matsuda. Titolo originale Ôdishon. Horror, durata 111 min. – Giappone, Corea del sud 1999. MYMONETRO Audition * * - - - valutazione media: 2,39 su 16 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Takashi Miike, prolifico regista giapponese dalla media di quattro produzioni l’anno, è una mina vagante pronta ad esplodere con violenza pur di comunicare il proprio messaggio. Adattamento di un romanzo di Murakami Ryu, Audition, spesso indicato come capolavoro dell’autore, non fa eccezione rivelandosi un prodotto particolarmente estremo e di difficile catalogazione.
Un produttore cinematografico rimasto vedovo decide, dopo anni di solitudine, di risposarsi. Un suo collega ed amico organizza un’audizione di casting fittizia dove l’uomo, in principio riluttante, incontra una misteriosa giovane di cui si innamorerà follemente: la scelta sfortunamtamente si rivelerà infelice.
Il tema della solitudine non è che una delle molteplici chiavi di lettura possibili. Se la prima parte del film descrive, in uno sfoggio di coralità compositiva, la recondita tristezza di un uomo, la seconda ci sorprende virando verso un’immersione profonda nel lato più nero dell’animo umano. In questo contesto la situazione del protagonista accostata a quella della sua controparte femminile viene radicalmente ridimensionata: la solitudine qui non è che un elemento caratterizzante di una condizione ben più grave. La vittima diviene carnefice in un ciclo che non trova origine se non nella deviazione pura, dove follia, sadismo e perversione si confondono; il tutto senza bisogno di scomodare fantasmi o demoni. Continua a leggere

Risultati immagini per Pecos Bill - Una Leggenda Per AmicoGenere Avventura, Fantastico, Ragazzi, Western Durata Regista Jeremiah S. Chechik Uscita ORIG  (USA) Attori Patrick SwayzeOliver Platt
Pecos Bill, John Henry e Paul Bunyan intraprendono un leggendario viaggio attraverso l’America per salvare un ragazzo e la sua famiglia, la cui casa è occupata da una pericolosa banda di ladri.

Risultati immagini per Pizzicata filmUn film di Edoardo Winspeare. Con Cosimo Cinieri, Chiara Torelli, Fabio Frascaro Drammatico, durata 91′ min. – Italia, Germania 1996. MYMONETRO Pizzicata * * 1/2 - - valutazione media: 2,75 su 8 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Nel 1943, alla vigilia dello sbarco alleato nell’Italia del Sud, Tony Marciano (Frascaro), pilota di un ricognitore USA abbattuto dai tedeschi sopra il Salento, trova ricovero nella famiglia dell’agricoltore Carmine Pantaleo (Cinieri), riscopre le proprie radici, s’innamora di Cosima (Torelli), una delle tre figlie di Carmine, scatenando la gelosia del suo promesso sposo (Massafra). 1° lungometraggio del cosmopolita E. Winspeare (1965), nato e cresciuto a Depressa (Lecce). Tranne C. Cinieri, tutti interpreti non professionisti, scelti nel Salento; tutti i componenti del cast tecnico provenienti dalle scuole di cinema di Monaco, Roma, Parigi. Notevole per la capacità di costruire una storia di sentimenti fondata su un’attenta ricerca etnica e antropologica. Pizzicata _ o pizzica tarantata _ è un ballo paesano. Musiche di Jérôme Harley. Distribuito senza successo dall’Academy. 1° premio Cittadella-Fuji 1997 al Festival di Arezzo. Continua a leggere

Risultati immagini per Rien ne va plus filmRegia di Claude Chabrol. Un film con Isabelle HuppertFrançois CluzetMichel Serrault. Titolo originale: Rien ne va plus. Genere Commedia – Francia,1997durata 95 minuti. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 6 recensioni.

Victor e Betty girano la Francia in camper truffando i casinò. Vivono nel lusso e si divertono. Rubare è davvero una grande gioia. Un “divertimento” del grande autore francese, intelligente e sottile come sempre. Premiato al festival di San Sebastiano. Continua a leggere

Locandina CattivaUn film di Carlo Lizzani. Con Milena VukoticErland JosephsonGiuliana De SioJulian SandsDidi Perego.  Drammaticodurata 105 min. – Italia 1991MYMONETRO Cattiva * * * - - valutazione media: 3,00 su 5 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Dopo un periodo di silenzio, in cui ha lavorato per il cinema francese, Giuliana De Sio è tornata a recitare in un film italiano. Da questa pausa comunque ha tratto giovamento, perché la donna di Cattiva è forse la sua più bella interpretazione. Per quanto riguarda il film, prende le mosse dalla giovinezza di Carl Gustav Jung, famoso psichiatra secondo, e per alcuni primo, solo a Freud. Si descrive, di quel periodo, il caso di una paziente scioccata dalla morte della figlia e la sua guarigione. Poco cinematografico e molto televisivo, vede la buona recitazione di Erland Josephson e quella mediocre di Julian Sands. Continua a leggere

Locandina Disperata ricercaUn film di Ruben Preuss. Con Shannen DohertyCostas MandylorJohn DiehlWilliam R. Moses Thrillerdurata 96 min. – USA 1994. Continua a leggere

Locandina Driftwood - Ossessione fataleUn film di Ronan O’Leary. Con James SpaderAnne BrochetAnna Massey Titolo originale DriftwoodThrillerdurata 96 min. – Gran Bretagna, Irlanda 1997.

Sarah è una giovane scultrice dalla personalità introversa. Vive isolata in una casa lungo la costa per lavorare alle sue creazioni e un giorno, camminando sulla spiaggia, intravede un relitto con un uomo privo di sensi. Senza troppi indugi la donna decide di salvare il naufrago e prendersi cura di lui. Una volta sveglio l’uomo non ricorda nulla di sé, non ha nome né passato, la sua sopravvivenza ora dipende totalmente dalla volontà di Sarah. Ma la donna comincia a sviluppare una morbosa ossessione. Continua a leggere

Un film di Ted Kotcheff. Con Charles Bronson, Angela Featherstone, Sebastian Spence, Kate Trotter, Lesley-Anne Down Azione, durata 87 min. – Canada, USA 1995. MYMONETRO Sospetti in famiglia * * - - - valutazione media: 2,00 su 1 recensione.

Il film si apre con dieci minuti di montaggio alternato con cui seguiamo più storie, ambientate in una città americana: la scoperta del cadavere di un sacerdote nel confessionale di una chiesa; una ragazza preoccupata perché la sorella non rientra a casa dopo una notte di svago; un ragazzino rinchiuso in galera. Iniziano le indagini sull’omicidio del parroco – capeggiate da un esperto ispettore (Charles Bronson, appesantito e in là con l’età) – e da due giovani detective, un uomo e una donna. Come per la maggior parte delle spy-stories, le sequenze si alternano fino a confluire per permettere allo spettatore di seguire gli indizi e di risolvere il caso, tenendo presente che l’ombra dell’eterno nemico degli Stati Uniti – la Russia o ex Unione sovietica – aleggia su tutte le vicende raccontate.
Molti personaggi sono ambigui: le figure femminili sono più dark-ladies che vittime del crimine; il ragazzino è un delinquente freddo e pieno di rabbia. L’ambientazione è metropolitana: la città non è ben definita e, quindi, potrebbe essere una qualsiasi città occidentale di oggi, permeata da una continua tensione e da un clima di paura (non c’è protezione dalla violenza nemmeno in un luogo sacro), paura che coinvolge tutti: adulti, bambini, giovani e meno giovani. La regia, televisiva, presenta pochi movimenti di macchina, inquadrature e montaggio che si ripetono in forme sempre uguali e, su ogni immagine, una colonna sonora cupa e angosciante.
Va bene non svelare tutto e subito agli spettatori per renderli partecipi della visione, ma la narrazione risulta troppo frammentata e il ritmo lento, nonostante qualche scena d’azione, come se si volesse dare importanza all’analisi psicologica dei personaggi oppure a una riflessione di tipo sociologico; ma un conto sono le intenzioni, un altro è risultato. Continua a leggere

Regia di Clint Eastwood. Un film Da vedere 1999 con James WoodsClint EastwoodDiane VenoraDenis LearyIsaiah WashingtonLisa Gay HamiltonCast completo Titolo originale: True Crime. Genere Thriller – USA1999durata 127 minuti. – MYmonetro 3,35 su 19 recensioni tra criticapubblico e dizionari.

Steve Everett è un giornalista che è già stato cacciato dal New York Times per la sua incapacità di tacere di fronte ai potenti. È stato un alcolista e ha una famiglia di cui si occupa poco. È questo tipo d’uomo che si trova ad affrontare il caso di un condannato a morte accusato di aver ucciso una donna incinta. A partire da un’intervista, Everett comincia a riflettere sul caso e scopre una serie di incongruenze che lo porteranno a scagionare all’ultimo momento il condannato. Eastwood spezza una lancia contro la pena di morte e lo fa rivisitando il genere e ponendo un altro mattone dell’edificio che da tempo va costruendo su personaggi che sentono su di sé il peso degli anni e delle miserie umane. Il plot sa di già visto, ma vedere Clint in azione è sempre un piacere perché la ricerca delle sfumature e l’apoteosi dell’understatement gli sono ormai connaturate Continua a leggere

Locandina Il commedianteUn film di Peter Chelsom. Con Oliver ReedJerry LewisOliver PlattLee Evans.  Titolo originale Funny bonesCommediadurata 126 min. – USA 1994.

Tommy, figlio di un comico molto celebre, aspira a percorrere le vie paterne. Torna nei luoghi in cui è nato e scopre di avere un fratellastro molto più divertente di lui. Se il pubblico (e la critica) fossero anche solo un po’ diversi da quello che sono, questo film sarebbe entrato tra i primi cinquanta della stagione in cui è uscito. Invece nessuno si è accorto di questa opera molto “seria” sull’arte di far ridere. Continua a leggere

Risultati immagini per Vite perduteVite perdute è un film del 1992, diretto dal regista Giorgio Castellani. Nelle intenzioni del regista, è il seguito di Mery per sempre di Marco Risi.

Un gruppo di giovani sbandati di Palermo formato da: Rosario, Pietro, Salvatore e Scimietta organizzano un sequestro di persona ai danni una ragazza benestante. Durante il sequestro vengono prima intercettati da un Alfa Romeo Alfetta della Polizia di Stato, che si mette all’inseguimento della BMW e della Mercedes 190 guidate dai sequestratori.

I poliziotti all’inizio dell’inseguimento uccidono gli occupanti della Bmw mandandoli fuori strada, causando però anche la morte della giovane sequestrata che si trovava a bordo, ma poi Rosario che si trova a bordo della Mercedes 190 spara vari colpi di pistola contro l’Alfetta della Polizia, riuscendo ad uccidere gli sbirri e a mandare l’auto fuoristrada.

Risultati immagini per Thelma & Louise locandinaUn film di Ridley Scott. Con Susan Sarandon, Geena Davis, Harvey Keitel, Michael Madsen, Brad Pitt.Titolo originale Thelma & Louise. Drammatico, Ratings: Kids+16, durata 128 min. – USA, Francia 1991. MYMONETRO Thelma & Louise * * * * - valutazione media: 4,02 su 35 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Chi ha voluto leggere nella vicenda umana di queste due ragazze di provincia una mera fiaba didascalica sul femminismo si perde il microcosmo racchiuso nei…continui giochi di rimando di significati creato dall’armonia del compenso tra la spigolosità del volto della Sarandon e quello da bambola della Davis.E così nei loro nomi, spesso ipostatizzati nella forza fagocitatrice di un titolo che suggerisce la smania di un brand o di un marchio di sigarette, vi è la fragilità disperata con cui le due ragazze abdicano allo stillicidio quotidiano per risorgere in un anomico non luogo dei ruoli sociali, che le accompagnerà per tutta la loro corsa fino al Gran Canyon. In realtà, la tensione dell’intera pellicola, è una spinta continua sul pedale dell’emancipazione delle due protagoniste.  Continua a leggere

Locandina EmmaUn film di Douglas McGrath. Con Gwyneth Paltrow, James Cosmo, Greta Scacchi, Alan Cumming, Denys Hawthorne. Drammatico, Ratings: Kids, durata 111′ min. – Gran Bretagna 1996. MYMONETRO Emma * * * - - valutazione media: 3,06 su 12 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

È la storia di una ventiduenne ricca, intelligente, generosa, ben educata e molto (troppo) soddisfatta di sé. Pretende di organizzare il futuro degli altri, ma non sa farlo col proprio. Ha tante virtù e un vizio, uno dei sette capitali: la superbia. Crede di essere Dio. Da un romanzo (1816) di Jane Austen, una moda degli anni ’90, l’americano esordiente McGrath, cosceneggiatore di Pallottole su Broadway, ha desunto un film elegante alla Ivory, ammirevole per la sapienza del ritmo, fondato sui dialoghi che in “colei che fu l’artista più perfetta tra le donne” (Virginia Woolf) sono il motore dell’azione e trasformano il pettegolezzo in arte. McGrath li ha riscritti e impaginati con una sagacia che non è soltanto mestiere. In una compagnia di attori inglesi, scozzesi (come P. Law, madre anche nella vita di S. Thompson, sorella di Emma), australiani e una italo-britannica (Scacchi), la Paltrow è l’unica americana. Eccellente. Oscar per le musiche dell’inglese Rachel Portman, il 1° assegnato a una donna. Continua a leggere