Escobar FRENCH... | Adobe InDesign CC v9.0. | We Go On (2016) HDRip Full English Movie Watch Online Watch We Go On (2016) HDRip Full English Movie & Download Free. English Movie We Go On (2016) HDRip Full Cast and Crew Details. Film Name :- We Go On (2016) HDRip Film Directed By :- Jesse Holland, Andy Mitton Film Written by-- Jesse Holland, Andy Mitton Starring of the Film :- Annette O’Toole, Clark Freeman, John Glover Genres -: Drama, Horror, Thriller Origin Country -- ...

Category: Film Anni ’80


Un film di Cesare Canevari. Con Marc Porel, Sonia Otero, Fulvio Ricciardi, Moana Pozzi. Giallo, durata 92 min. – Italia 1982. – VM 18 – MYMONETRO Delitto carnale * - - - - valutazione media: 1,00 su 1 recensione.

Il proprietario di un albergo sull’Adriatico muore in circostanze misteriose. Nella notte prima del funerale muoiono anche due nipoti del defunto. Continua a leggere

Photobucket Pictures, Images and PhotosUn film di Wong Kar-wai. Con Andy Lau, Jacky Cheung, Maggie Cheung Titolo originale Mongkok Carmen. Drammatico, durata 95 min. – Hong Kong 1988. MYMONETRO As Tears Go By * * 1/2 - - valutazione media: 2,75 su 2 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Al suo primo film Wong Kar-wai non è ancora autore ma è già protagonista. As Tears Go By è un mix di stili contrastanti ma vibra di tutta la passione che solo il cinema di Hong Kong degli anni ’80 sapeva regalare. Sorta di remake sotto mentite spoglie del Mean Streets scorsesiano, è la storia di Wah, un gangster squattrinato, disilluso e per nulla ambizioso tentato dall’amore per una lontana cugina ma prigioniero di questioni d’onore e del bisogno di proteggere l’avventato Fly, dotato di una propensione rara per cacciarsi nei guai ad ogni occasione. Wong Kar-wai si mantiene nei limiti del cinema commerciale e di genere, con musiche ad effetto – colonna sonora comunque strepitosa, tra il jazz-rock di Teddy Robin Kwan e il remake di Take My Breath Away dei Berlin – e rispettando il canovaccio del noir con tutti i suoi cliché, ma è stilisticamente che reinventa il tutto. Luci al neon, step framing per sbalestrare lo sguardo durante le scene d’azione, inquadrature suggestive e figlie della nouvelle vague (alternate ad altre ancora molto grezze), ossia quelle che diverranno le stimmate di un autore memorabile e che in As Tears Go By si mescolano con effetto inebriante alla spensieratezza del cinema popolare. Superlativo il cast, composto da una Maggie Cheung perennemente struccata e trasformata nella ragazza della porta accanto, un Andy Lau pronto a vestire i panni del super-divo (con tanto di Ray-Ban alla Tom Cruise) e un Jacky Cheung istrione fino all’inverosimile come il Johnny Boy di Bob De Niro prima di lui. Anche se l’autentico protagonista, come sempre con Wong Kar-wai, resta il Fato, un destino ineluttabile che attende personaggi che, quasi consapevolmente, gli vanno incontro, affrontandolo con mirabile autolesionismo e acritica accettazione. Continua a leggere

Locandina MambaUn film di Mario Orfini. Con Gregg HenryTrudie StylerBill Moseley Thrillerdurata 74 min. – Italia 1988MYMONETRO Mamba * * 1/2 - - valutazione media: 2,84 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Un marito vuol uccidere la moglie e la chiude nel suo appartamento sola con un “mamba” (il più velenoso e pericoloso dei serpenti). Ma la donna non si lascia ammazzare dal rettile. Anzi architetta una trappola per far fuori il consorte mascalzone. Continua a leggere

Changeling (The Changeling) è un film canadese del 1980 diretto da Peter Medak che vede come protagonista il Premio Oscar George C. Scott.[1] La storia è basata su una diretta esperienza di Russell Hunter – che ha firmato il soggetto del film – avvenuta anni prima durante un suo soggiorno alla Henry Treat Rogers Mansion di Denver (Colorado).[2]

Un musicista, dopo la morte della moglie e della figlia a causa di un incidente stradale, va ad abitare in una casa frequentata dal fantasma di un bambino morto settant’anni prima. Spaventato, ma incuriosito dalla vicenda, inizia ad indagare per scoprire come il piccolo abbia perso la vita. Scopre che il piccolo come sua figlia è morto di morte violenta: è stato ucciso dal padre in quanto minorato e sostituito con un orfano sano. Il sostituito, un ormai anziano e potente senatore, cerca di ostacolare le indagini. Continua a leggere

Le pellicole cinematografiche di Star Trek sono dodici, prodotte dal 1979 al 2013. Il cast protagonista dei primi sei film è quello della serie classica, capitanato da Kirk.[61] Nei quattro film successivi l’equipaggio di Kirk lascia posto a quello della “Next Generation” comandato da Picard. Il settimo film, Generazioni, costituisce il “trait d’union” tra i due differenti cast e li vede entrambi presenti.[62] L’undicesimo, il dodicesimo e il tredicesimo film, del 2009, 2013 e 2016, rappresentano invece un reboot della serie classica ambientati in una nuova linea temporale, con un cast completamente rinnovato (tranne Leonard Nimoy che interpreta in entrambi i film un cameo nei panni di uno Spock anziano).

ATTENZIONE: SU 1FICHIER LI TROVATE NELLA CARTELLA  

Serie Tv—Star Trek—-Filmografia—-1080p

Continua a leggere

Un film di Bruno Corbucci. Con Enzo Cannavale, Tomas Milian, Bombolo, Alfredo Rizzo, Giacomo Furia. Poliziesco, durata 95′ min. – Italia 1981. MYMONETRO Delitto al ristorante cinese * * 1/2 - - valutazione media: 2,90 su 9 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

In un ristorante cinese di Roma si trova un cadavere. Le indagini sono affidate al commissario Nico Giraldi che ha una gamba ingessata. L’assassino gli sequestra moglie e figlio. Commedia poliziesca che inclina al comico e ci si sprofonda con un ironico Milian in doppia parte. È un giallo cinese. Si ride. Continua a leggere

Un film di Bruno Corbucci. Con Tomas Milian, Bombolo, Viola Valentino, Andrea Aureli, Mimmo Poli. Poliziesco, durata 91′ min. – Italia 1982. MYMONETRO Delitto sull’autostrada * * - - - valutazione media: 2,00 su 7 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Il commissario Giraldi alle prese con teppisti specializzati in furti di TIR si improvvisa camionista per smascherare i complici. L’interesse di questo poliziesco all’italiana sta nell’aggancio con l’attualità e con la cronaca, ma è anche il suo limite. Continua a leggere

Risultati immagini per Detector 1980Un film di Ian Barry. Con Ralph CotterillHugh Keays-Byrne, Lorna Lesley, Steve BisleyArna-Maria Winchester.  Titolo originale The Chain ReactionDrammaticodurata 90 min. – Australia 1980.

Un violento terremoto provoca gravi danni ad una centrale nucleare australiana causando la dispersione di gas radioattivo. L’ingegnere Heinrich Schmidt, consapevole della minaccia che incombe sulla popolazione, tenta di avvertire le autorità, ma i suoi superiori, temendo le ripercussioni economiche dello scandalo, gli impongono di tacere. Fuggito avventurosamente dal laboratorio, Schimdt è soccorso, in stato confusionale, da una giovane coppia in vacanza che lo aiuta a denunciare alla stampa l’accaduto.
Giocato tra fantascienza, ecologia e disaster-movie, il film, pur sfruttando il successo di Sindrome cinese, coniuga abilmente spettacolo e impegno politico.Gli attori Steve Bisley e Hugh Keays-Byrne erano già apparsi sullo schermo in Interceptor a fianco di Mel Gibson, qui in una breve e non accreditata apparizione nel ruolo di un meccanico.Titolo alternativo: Nuclear Run. Continua a leggere

Un film di Michael Lindsay-Hogg. Con Brigitte Nielsen, Julian Sands, Gerald McRaney, Jane Lapotaire, Brian Cox. Titolo originale MURDER BY MOONLIGHT. Fantascienza, durata 96 min. – USA 1989.

Americani e Russi, nel 2015, sono sbarcati sulla Luna, e vi hanno impiantato numerosi insediamenti, cominciando a sfruttare le risorse minerarie del satellite. E proprio in una miniera russa viene commesso un misterioso omicidio. Il KGB incarica dell’indagine il maggiore Kirilenko (Sands), ma la NASA, considerato che la forza lavoro è costituita in gran parte da personale americano, pretende ed ottiene di affiancargli un suo funzionario, la statuaria Maggie Bartok (Nielsen).
Film Tv di discreta fattura, girato – sia pure con le limitazioni proprie dello spettacolo pensato per il piccolo schermo – con ammirevole cura del dettaglio ed attenzione ai particolari. La sceneggiatura mostra invece qualche debolezza, trovando facile rifugio nello scontato coinvolgimento sentimentale tra i protagonisti, comunque bravi. Controcorrente l’assegnazione dei ruoli, con l’inglesissimo Sands (che sarà qualche anno più tardi il Fantasma dell’Opera di Dario Argento) chiamato a fare il sovietico e l’algida Nielsen, russa nell’immaginario collettivo dai tempi di Rocky, che “fa l’americana”. Titolo alternativo: Murder on the Moon. Distribuito come Assassìnio Lunar nei paesi di lingua spagnola e come Tödliche Galaxie in Germania. Continua a leggere

Un film di Pedro Almodóvar. Con Eusebio Poncela, Carmen Maura, Miguel Molina, Bibì Andersen, Antonio Banderas. Titolo originale La ley del deseo. Drammatico, durata 106′ min. – Spagna 1987. – VM 18 MYMONETRO La legge del desiderio * * * - - valutazione media: 3,00 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Gli amori di un regista omosessuale, diviso tra due ragazzi (uno poi ucciderà l’altro), e quelli di sua sorella, attrice procace che un tempo era suo fratello, transessuale immerso nella memoria dell’amore incestuoso per il padre col quale era scappata di casa e per il quale aveva cambiato sesso. Il film che impose in Italia Almodóvar, poligrafo eccentrico di origine contadina, ex hippy, teatrante, cineasta alternativo della trasgressione: un cocktail di romanticismo e buffoneria, surrealismo e grottesco, melodramma e farsa. Il trionfo del cattivo gusto, ma volutamente portato all’estremo e condito con umor nero di inconfondibile segno ispanico. Può affascinare o irritare, certamente diverte. Continua a leggere

Risultati immagini per Incubo sulla Città contaminataUn film di Umberto Lenzi. Con Mel Ferrer, Maria Rosaria Omaggio, Hugo Stiglitz, Francisco Rabal, Eduardo Fajardo. Horror, durata 91 min. – Italia, Spagna 1980. – VM 18 – MYMONETRO Incubo sulla città contaminata * * - - - valutazione media: 2,10 su 11 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Dean Miller, giornalista televisivo giunto all’aeroporto per intervistare un noto scienziato, è testimone dell’atterraggio di emergenza di un aereo militare di incerta bandiera e, nonostante un cordone di militari circondi tempestivamente il velivolo sottraendolo ad occhi indiscreti, assiste ad un incredibile e sanguinoso scontro a fuoco tra i soldati e l’equipaggio atterrato, uscito all’aperto armato di coltelli e mitragliatori. Miller tenta di capire cosa stia accadendo ed affronta il generale Murchison, responsabile della sicurezza a terra, convinto che sappia qualcosa. Ma l’ufficiale non si sbottona e ammonisce il giovanotto a non tentare ulteriori indagini. Mentre una strana pioggia investe la città e le campagne, per le strade cominciano ad aggirarsi sinistri individui che, in stato di semi-catalessi, massacrano selvaggiamente chiunque capiti a tiro: se si vuole salvare la pelle, bisogna fuggire al più presto facendo massima attenzione a chi si incontra per via.
Umberto Lenzi innesta un “film di zombi” (perché tali sono i famelici assassini che fanno strage nel corso della storia) su uno spunto fantascientifico: all’origine della spaventosa mutazione ci sono misteriose radiazioni che hanno investito l’aereo militare; le conseguenze si sviluppano a catena e in maniera incontrollabile per un non meglio identificato contagio che colpisce coloro che dagli zombi sono assaliti. Nel film c’è la consueta ma superficialissima frecciatina polemica contro le manovre oscure dei militari che intendono mantenere il segreto sull’accaduto per non esporsi a critiche e per non suscitare il panico tra la popolazione (il generale Murchison è impersonato da un invecchiato Mel Ferrer), ma per il resto la pellicola è una lunga rassegna di sparatorie, accoltellamenti, sbranamenti, inseguimenti e fughe in puro stile “splatter”.In Spagna ha per titolo La Invasión de los Zombies atómicos; negli Stati Uniti è conosciuto come City of the Walking Dead o Nightmare City. Continua a leggere

Risultati immagini per pazza streisandUn film di Martin Ritt. Con Karl MaldenRichard DreyfussBarbra StreisandEli WallachMaureen Stapleton.  Titolo originale NutsDrammaticodurata 113 min. – USA 1987.

Una prostituta ha ucciso il suo cliente per legittima difesa. I parenti, timorosi dello scandalo, cercano di evitare un processo dimostrando la sua infermità mentale. Ma la donna si ribella. Lei è perfettamente sana di mente (il babbo adottivo magari ha qualche tara…) e ottiene il proseguimento del dibattito. Continua a leggere

Un film di François Truffaut. Con Henri Garcin, Fanny Ardant, Gérard Depardieu, Roger Van Hool, Veronique Silver. Titolo originale La femme d’à côté. Drammatico, durata 106′ min. – Francia 1981. MYMONETRO La signora della porta accanto * * * 1/2 - valutazione media: 3,83 su 16 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Bernard e Mathilde si sono amati con passione e si sono lasciati con rabbia. Si ritrovano otto anni dopo, entrambi “felicemente sposati”. Il fuoco si riaccende. Meglio durare o bruciare? Abitano in campagna, vicino a Grenoble (patria di Stendhal…). “Stupido” come una canzone di Edith Piaf o di Gino Paoli, ma dice la verità sull’amore: fa male. 20° film di F. Truffaut, il suo 6° film d’amore e, purtroppo, il penultimo. F. Ardant lo illumina come una fiamma bruna. È, a modo suo, anche un thriller: un film d’amore hitchcockiano. L’amore-passione in cifra quotidiana. Continua a leggere

Risultati immagini per Il Raggio verde filmUn film di Eric Rohmer. Con Marie Rivière, Amira Chemakhi, Sylvie Richez, Rosette Titolo originale Le rayon vert. Commedia, durata 98′ min. – Francia 1986. MYMONETRO Il raggio verde * * * 1/2 - valutazione media: 3,61 su 13 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

È luglio e Delphine, impiegata parigina che va per i trenta, non sa dove andare in vacanza e con chi. Suo inquieto andirivieni da Parigi in Normandia, in montagna e a Biarritz dove finalmente, incontrato un ragazzo giusto, vede _ guardando il sole che tramonta nell’Atlantico _ il raggio verde, quel fenomeno di rifrazione che dà il titolo al romanzo (1882) di Jules Verne. Chi lo vede, dice Verne, riesce a leggere meglio nei propri sentimenti e in quelli degli altri. Girato in 16 mm con largo margine d’improvvisazione nei dialoghi per gli attori (soprattutto per Rivière, attrice o figura rohmeriana a 18 carati), è un film chiaro, delizioso, n. 5 della serie “Commedie e proverbi”. Leone d’oro a Venezia 1986. Diffuso in Francia su Canal+ prima che nelle sale. Continua a leggere

Un film di Marcello Avallone. Con William Berger, Cyrus Elias, Mariella Valentini, Antonello Fassari. Horror, durata 100 min. – Italia 1988. MYMONETRO Maya * * - - - valutazione media: 2,00 su 1 recensione.

Un vecchio archeologo trova la morte a piedi della piramide del dio Xibalbay nello Yucatán. La figlia del morto arriva da quelle parti per conoscere le cause del decesso. L’assassino non è un uomo, ma l’incarnazione dell’antico dio che si manifesterà durante la difesa dei morti (non prima d’aver eliminato con i suoi oscuri poteri un’altra mezza dozzina di persone). Continua a leggere

Locandina Una perfetta coppia di svitatiUn film di Peter Hyams. Con Gregory HinesSteven BauerBilly Crystal Titolo originale Running ScaredPoliziescodurata 106 min. – USA 1986.

Ray e Danny, due detective di Chicago, trasandati e spericolati, sognano di lasciare la polizia per aprire un ristorante. Danny vive nel ricordo della moglie Anna che lo ha lasciato, Ray ha continue avventure amorose. Affrontano spettacolari avventure, inseguimenti e caroselli quasi acrobatici per catturare il boss della droga Gonzales, che alla fine prende Anna come ostaggio. Finale a lieto fine per i due coniugi. Continua a leggere

Immagine correlataUn film di Enzo Girolami Castellari. Con George Eastman (II)Giancarlo PreteAnna KanakisVenantino VenantiniFred Williamson.  Avventuradurata 91 min. – Italia 1983.

La civiltà è stata distrutta da una guerra nucleare. I sopravvissuti vivono senza legge. I più deboli devono sottostare ai più forti. I Templares, saccheggiatori e assassini motorizzati, scorrazzano in lungo e in largo seminando morte e paura. Contro il loro capo, One, prendono le armi Skorpion e gli amici Nadir e Genius. Skorpion verrà catturato e torturato, ma riuscirà a fuggire. La resa dei conti lo vedrà impegnato in un duello all’ultimo sangue contro il temibile One.
La civiltà è stata distrutta da una guerra nucleare. I sopravvissuti vivono senza legge. I più deboli devono sottostare ai più forti. I Templares, saccheggiatori e assassini motorizzati, scorrazzano in lungo e in largo seminando morte e paura. Contro il loro capo, One, prendono le armi Skorpion e gli amici Nadir e Genius. Skorpion verrà catturato e torturato, ma riuscirà a fuggire. La resa dei conti lo vedrà impegnato in un duello all’ultimo sangue contro il temibile One.Riferimenti a Max Mad e, ancora più espliciti, al western di Sergio Leone Per un pugno di dollari (il duello finale che vede Skorpion protetto da una corazza nascosta è una chiara citazione della celebre sparatoria tra Eastwood e Volonté).Proprio al western all’italiana Castellari sembra qui attribuire la paternità della sua fantascienza, cinica e disperata, infarcita di violenza, ma lineare nello svolgimento di un racconto che ha per protagonisti buoni che non sono tanto buoni e cattivi che potrebbero benissimo essere i buoni-non-tanto-buoni.

 

Risultati immagini per Turno di Notte locandinan film di Ron Howard. Con Ron Howard, Michael Keaton, Henry Winkler Commedia, durata 105′ min. – USA 1982. MYMONETRO Turno di notte * * - - - valutazione media: 2,25 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Giovane guardiano di un obitorio si fa coinvolgere dal suo assistente in una lucrosa attività di sfruttamento della prostituzione. È una commedia amara che incuriosisce per il suo mix di ingredienti trasgressivi e antipuritani, ben frullato da una regia agile, dialoghi mitragliati, interpreti che credono nei loro personaggi. Nella colonna sonora c’è “That’s What Friends Are For” di Rod Stewart. Appare anche Kevin Costner. 1° film di Keaton. Continua a leggere

 

Risultati immagini per un piccolo sogno 1989Bobby Keller (Corey Feldman) ha una ragazza ed un migliore amico. Ma non è felice, i suoi genitori non lo notano e va male a scuola. Ritiene la sua vita superficiale ed una notte tutto cambia, quando Bobby si scontra con Lainie (Meredith Salenger) nel giardino di due anziani: Coleman (Jason Robards) è bloccato nel Corpo di Bobby, sua moglie Gina è bloccata nel corpo di Lainie. Coleman può mettersi in contatto con Bobby solo nei suoi sogni e lui non è disposto a tornare indietro a meno che Coleman non metta a posto la sua vita. Continua a leggere

Un film di Robert Altman. Con Robin Williams, Paul Dooley, Shelley Duvall, Ray Walston, Paul Smith. Titolo originale Popeye. Commedia, durata 114 (94) min. – USA 1980. MYMONETRO Popeye – Braccio di ferro * * 1/2 - - valutazione media: 2,88 su 8 recensioni di critica, pubblico e dizionari.

Popeye ritorna a Sweethaven alla ricerca del padre e s’innamora di Olivia, fidanzata del tirannico sceriffo Bluto. Nato nel 1929 dalla matita di Elzie C. Segar e passato al cinema (1933-50) con i cartoon di Max e Dave Fleischer, ripreso nel 1959 in una serie TV della King Features, il popolare Braccio di Ferro ritorna in un film ambizioso, sceneggiato dal geniale Jules Feiffer, che fu un clamoroso insuccesso commerciale forse perché non piacque ai bambini né agli adulti. Nemmeno ai critici, con poche eccezioni. Eppure ha l’armonia e la logica interna di una fiaba musicale in bilico tra comico e fantastico, effetti speciali e verosimiglianza naturalistica, violenza e tenerezza, non nascondendo i suoi intenti di apologo satirico sul potere, la politica, la società americana. L’edizione italiana ha 20 minuti di numeri musicali in meno e canzoni scipitamente doppiate. Girato a Malta, fotografia di G. Rotunno. 1° film del 28enne R. Williams. VEDI POPEYE – Scheda monografica Continua a leggere